logo
 
 
 
 
spazio
spazio
RECUPERARE UN GIORNO DI FERIE PER IL PERSONALE ATA IN SERVIZIO IL 1 SETTEMBRE 2018
item-thumbnail
spazio

Sabato 1° settembre molti uffici di segreteria saranno aperti al pubblico dalle per consentire la presa di servizio al personale (docente/ATA) neo-assunto a tempo indeterminato o trasferito/assegnato per l’anno scolastico 2018/2019. Alcuni dirigenti hanno anche stabilito che tutto il personale ATA, compresi i bidelli, debba essere in servizio per quella data e, infatti, non hanno “concesso” le ferie per quel giorno.

Molti colleghi appartenenti al personale ATA sono alle prese con il calcolo delle ferie, nessuno fa veramente chiarezza sulla questione, che è semplice, e rimane il dubbio su come calcolare le ferie dell'ultima settimana di agosto senza rimetterci.

Gran parte del personale ATA non lavora al sabato e svolge 7 ore e 12 minuti di servizio al giorno che servono a completare l'orario settimanale di 36 ore.

Il contratto vigente stabilisce la stessa cosa: il sesto giorno (il sabato), che sia di lavoro o che venga recuperato in minuti nei primi 5 giorni della settimana, è sempre considerato giorno lavorativo per effettuare il calcolo delle ferie.

E' questo il motivo per cui se si richiedono periodi di ferie inferiori alla settimana ogni giorno viene calcolato 1,2 (contiene anche il sabato non lavorato, ma recuperato in minuti, in ogni giorno lavorativo della settimana. 1,2 x 5= 6 giorni lavorativi.

Ricordo che 1,2, per meglio comprendere, può essere scritto sotto forma di frazione scrivendo al denominatore il numero senza la virgola cioè 12 e come numeratore un 1 seguito da tanti zeri quanti sono i numeri decimali (1 nel nostro caso): il risultato è 12/10 che semplificato equivale a 6/5 e fa comprendere come su 5 giorni si svolga il lavoro di 6.

Se il periodo richiesto è l'intera settimana, compreso il sabato, ogni giorno vale 1, e quindi: 1 x 6 = 6 giorni.

Le ferie del personale ATA perciò si calcolano contando il sabato, ma non le domeniche, né i giorni festivi.

Se sì prendono ferie dal lunedì al venerdì, non avendo recuperato il sabato in cui la scuola è chiusa, si usufruisce comunque di un periodo di 6 giorni di ferie, perciò i giorni calcolati sono 6 effettivi, pari a 36 ore di lavoro.

Accade che il calcolo sia complicato quando, ad esempio, si prendano giorni di ferie spezzettati perché, a volte, c'è un avanzo. Il calcolo finale, se non restituisce un numero intero, va arrotondato se supera la metà (0,5). Ad esempio 3,6 si arrotonda a 4 e 3,4 si arrotonda a 3.

Quando l'avanzo è equivalente alla metà (0,5) si arrotonda per difetto ad esempio 2,50 diventa 2 giorni e non 3.

 

Nel caso, però, in cui il dipendente sia chiamato in servizio di sabato, come accadrà in alcune scuole il prossimo 1 settembre, i giorni 27, 28, 29, 30 e 31 agosto dovranno essere conteggiati 1, non 1,2, perchè il sabato è un giorno in cui il dipendente lavora.

Attenzione che 0,2 x 5 = 1 giorno che non dovete regalare all'amministrazione!

 
spazio
Pubblicato: 26/06/2018
spazio
Autore: Lauro Zanzara
spazio
Categoria: diventare personale ata
 
 
spazio
 
spazio
spazio
item-thumbnail
 
IL FUTURO DEI DM DOPO L’AGGIORNAMENTO DELLE GAE DEL 2019
spazio

La giurisdizione amministrativa, come ormai è noto nelle scuole, è esercitata dai tribunali amministrativi regionali e dal Consiglio di Stato.

La Sentenza del TAR è il giudizio di primo grado e può essere appellata con ricorso al Consiglio di Stato.

Il Consiglio di Stato è l’organo di ultimo grado della giurisdizione amministrativa, si tratta di un organo costituzionale con funzioni consultive e giurisdizionali. Il giudice è un giudice speciale amministrativo, estraneo alla pubblica amministrazione italiana.

L’ Adunanza Plenaria ha quindi la funzione di uniformare la giurisprudenza del C.d.S. o di risolvere questioni di particolare importanza, com’è stato per il DM., indicando chiaramente la legge da applicare in situazioni controverse e fare in modo che, anche chi non è d’accordo, la osservi.

spazio
Pubblicato: 10/06/2019
spazio
Autore:Lauro Zanzara
spazio
Categoria: diventare insegnanti
spazio
spazio
spazio
spazio
spazio
item-thumbnail
 
UN ACCORDO PRIVO DI ANIMA NON CI PIACE
spazio

Mentre i sindacati della scuola hanno revocato uno sciopero sulla base di un libro dei sogni ancora non scritto, insegnanti, bidelli e personale di segreteria potrebbero ottenere da subito un aumento di circa 210 euro all'anno - e reclamare il compenso per gli ultimi 5 anni - per i corsi di aggiornamento sulla sicurezza, circa 1000 € netti per circa 900 mila persone: una bella cifra, pari a 900 milioni di euro.

 

spazio
Pubblicato: 27/04/2019
spazio
Autore:Lauro Zanzara
spazio
Categoria: astuzie operaie
spazio
 
Privacy Policy